Sei in:Home» Direzione Generale» La sede della Direzione generale

La sede della Direzione generale

SanMichele-esterno01

Il Complesso Monumentale di San Michele a Ripa Grande, è un lungo fabbricato che fiancheggia il Tevere, di fronte all'Aventino al quale è collegato dal ponte impropriamente detto Ponte Sublicio. Il ponte costruito nel 1915-1919 risulta essere di grande importanza per la situazione urbanistica moderna del Complesso che, grazie ad esso, è oggi di fatto divenuto parte del centro storico romano, sia pure restandone ai margini.

La Direzione generale occupa nel Complesso monumentale San Michele a Ripa Grande parte degli spazi (primo e secondo piano), dedicati nell’antico progetto di Carlo Fontana (1694-1714), al Conservatorio dei Vecchi e al Conservatorio dei Ragazzi.

La storia e il restauro

Nel corso dei secoli XVI e XVII, il problema della mendicità e del vagabondaggio in Italia, come nel resto d'Europa, costituisce un fenomeno la cui vastità e imponenza sono evidenziate esemplarmente dalla costituzione di organizzazioni stabili di mendicanti legalmente riconosciute.

Contestualmente le autorità provvedono all'emanazione di una serie di misure repressive tendenti alla reclusione coatta di tutti coloro che risultino inabili al lavoro.

Nel preoccupante contesto della Roma papale, si inserisce l'iniziativa di Sisto V che fonda, nel 1587 presso Ponte Sisto, l'Ospizio dei Cento Preti con finalità assistenziali. Tale iniziativa si rileva tuttavia inadeguata rispetto alla gravità del problema e l'Istituto è trasformato ben presto in semplice Ospedale.

Altre iniziative del genere nascono negli anni successivi: una di queste è la creazione del Conservatorio dei Ragazzi, istituito da Tommaso Odescalchi nel 1673 a Piazza Margana e trasferito poi a Ripa Grande, dove nel 1686 sorge il primo embrione di quello che sarebbe stato l'Ospizio Apostolico del San Michele. L'Ospizio risulta essere la prima concreta iniziativa rivolta a risolvere una piaga sociale ormai considerata da tutti quasi ineluttabile.

Il progetto, indubbiamente di grande modernità rispetto ai tempi, è ideato, sviluppato e realizzato da tre pontefici: Innocenzo XI, Innocenzo XII e Clemente XI. I lavori iniziano nel 1689 con la costruzione del Conservatorio dei Ragazzi e si concludono nel 1790 con la costruzione del Conservatorio delle Zitelle.

 



Documenti